"L'amore inabitabile", Residenza Artistica con Dario Lacitignola

Entra nel vivo il progetto di Residenze Artistiche Artisti nei Territori “Bildungsroman” 2021, a cura del Teatro delle Forche (Ministero della Cultura / Regione Puglia).

Dall'11 al 18 ottobre, l’artista in Residenza nel Teatro Comunale di Massafra sarà l’attore e regista Dario Lacitignola, con il suo progetto “L'amore inabitabile”.

Al centro del suo attraversamento artistico - la cui prima parte si è svolta nel mese di settembre - uno studio sul testo della scrittrice e psicoterapeuta Donatella Caprioglio.

Un lavoro di ricerca che indaga la difficoltà delle relazioni sentimentali che, talvolta, si trasformano in rapporti di dipendenza reciproca tanto da diventare tossici, soffocanti e fisicamente pericolosi.

La pièce teatrale analizza la relazione tra il sentimento di abitabilità di un rapporto e il legame con gli spazi della relazione, ovvero  le case, l’arredamento e il profondo senso dell’abitare e dell’abitarsi.

Aleggia tra le righe una domanda: “Si tratta di un viaggio introspettivo, di un’analisi sull’amicizia oppure è la propria presa di coscienza che ci salva?”.

Lo studio si propone di completare l’analisi testuale in forma partecipata con pubblico, artisti e drammaturgo, raccogliendo le considerazioni, frutto di esperienze personali, per poter arricchire la portata realistica del testo e sperimentarne possibili forme di rappresentazione.

Sono previsti, infatti, incontri gratuiti e momenti di coinvolgimento di attrici, attori e spettatori e una restituzione finale alla comunità del lavoro svolto.

Dario, Ubaldo Lacitignola, classe 1975, attore e regista di numerosi spettacoli, coltiva la passione per il teatro dal 1985. Con il Gruppo Folletti e Folli, che ha fondato, si dedica anche alla promozione dell’arte del teatro conducendo laboratori che coinvolgono ragazzi e non solo. Ha incontrato maestri come, Robert Mec Neer, Peter Speedwell, Claudio Morganti, Danio Manfredini, Alessio Pizzech solo per citarne alcuni. Con il maestro Carlo Formigoni, considerato il padre del teatro ragazzi in Italia, collabora dal 2012. Convinto che “l’attore è in ognuno di noi”, predilige testi di autori con un forte impatto sociale.

 Il progetto di Residenze Artistiche Artisti nei Territori “Bildungsroman” 2021, a cura del Teatro delle Forche, è iniziato a luglio e si concluderà a dicembre e comprende: quattro attraversamenti artistici, spettacoli teatrali, incontri con la comunità di spettatori e attività formative sul territorio.

A fine settembre, l’artista in Residenza a Massafra è stata la danzatrice e coreografa Barbara Altissimo, con il progetto “Cantieritalia", prima fase del "ProgettoItalia" a cura dell'associazione LiberamenteUnico, di cui è direttrice artistica.

Un progetto di studio e ricerca sul tema "Italia", un viaggio trasversale e multigenerazionale lungo la penisola, con tappe in diverse regioni, nella diversità del nostro essere italiani. Un percorso di ricerca volto ad indagare la peculiarità del nostro essere italiani, i pregiudizi, i luoghi comuni, la noncuranza che talvolta riserviamo alla nostra Terra/nazione, ma anche il senso di appartenenza, le capacità, le competenze, l’ingegnosità, il protagonismo, che ogni cittadino italiano possiede. 

Sono stati organizzati incontri con il pubblico della Residenza, nella splendida cornice dell’ex chiesa di Sant’Agostino, per raccogliere e scambiare esperienze, pensieri e riflessioni capaci di lasciare tracce per una futura produzione artistica.

La Residenza di Massafra sarà “attraversata” inoltre dagli artisti: Paolo Bellomo (drammaturgo) con Georgia Azoulay (regista) tra la fine di ottobre e gli inizi di novembre con il progetto “BAGP”; Paola Di Mitri (regista, autrice e performer di teatro e di cinema) con il progetto VITA AMORE MORTE E RIVOLUZIONE nella prima metà di dicembre.

In programma, nel mese di novembre, anche quattro spettacoli di compagnie pugliesi appartenenti alla rete regionale “Le vie dei teatri”: il 16 novembre, “Non tutti sanno che …” di ResExtensa Dance Company; il 24 novembre, “Se potessi volare” di TerramMare Teatro; il 30 novembre “Medea, Desír” di Astragali Teatro; il 5 dicembre “L’occasione” della Compagnia Diaghilev.

Per maggiori informazioni: www.teatrodelleforche.com; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; 0998801932.

  • Creato il .
  • Visite: 189

"OEDIPUS REX" al MArTA il 1°ottobre

La complessità dell’essere umano, il dramma della colpa, le varie sfaccettature della psiche andranno in scena al Museo Archeologico Nazionale di Taranto nell’Oedipus Rex del Teatro delle Forche venerdì 1 ottobre alle ore 17,30.

Lo spettacolo teatrale rientra in “Mari, miti, riti”, progetto a cura del Teatro delle Forche, nell’ambito della Programmazione “Custodiamo la cultura in Puglia” (Fondo Speciale per Cultura e Patrimonio Culturale), finalizzato a valorizzare attrattori naturali e culturali della provincia di Taranto, attraverso la messa in scena di performance artistiche site-specific.

“È il dramma della colpa – scrive il regista Carlo Formigoni – ma si è colpevoli se la colpa è involontaria? Siamo noi responsabili delle colpe dei padri? Possiamo sfuggire ad un destino avverso? Oedipus chi rappresenta? Che sia come dice il poeta visionario Eliot “Non può avere futuro chi ha ucciso il passato”. Tante domande alle quali Sofocle suggerisce altrettante risposte”.

Così il maestro Carlo Formigoni, che ha dedicato tutta la sua vita al teatro, diventando anche un esempio da seguire in tutta Europa, nonché Premio ANCT alla Carriera 2013, porta al Museo uno dei classici del teatro greco attraverso un percorso che è quasi di autoanalisi per gli spettatori.

“Questo lo richiedono i classici greci – dice – come la moderna psicanalisi invitandoci a scoprire l’Oedipus nascosto in noi”.

In scena nel Chiostro del Museo ci saranno Giancarlo Luce, Vito Latorre, Salvatore Laghezza, Antonio D’Andria, Onofrio Fortunato. Scenografia di Mariella Putignano. Regia di Carlo Formigoni. Foto di Alessandro Piva. 

L’ingresso al MArTA sarà consentito dalle ore 17.00 dall’entrata di Corso Umberto n. 41. Inizio spettacolo ore 17.30.  

I posti sono limitati, la prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata contattando telefonicamente il Teatro delle Forche ai numeri 099-8801932 / 349 321 0325 oppure via e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ticket intero 8 euro, ridotto 2 euro per gli under 25, gratuito per gli under 18. Speciale promozione è riservata per i primi spettatori che prenoteranno un coupon valido come ingresso gratuito alle sale del MArTA, da utilizzare entro il 29 ottobre 2021. L'iniziativa sarà svolta in ottemperanza alle norme vigenti in materia di contenimento del contagio da Covid-19. Accesso consentito soltanto agli spettatori muniti di Green Pass o tampone negativo nelle ultime 48 ore.

  • Creato il .
  • Visite: 238

Teatro delle Forche. All rights reserved.
Powered by Jackalope.it.