"Cannibali" il 16 gennaio

fotocannibali

Per la rassegna "LègamInT.2016", a cura del Teatro delle Forche, sabato 16 gennaio, alle ore 21, nel Teatro Comunale di Massafra (Piazza Garibaldi), la compagnia Kronoteatro di Albenga (Savona), per la prima volta in Puglia, porta in scena "Cannibali".

Di Fiammetta Carena, con Tommaso Bianco, Alex Nesti e Maurizio Sguotti. Costumi Francesca Marsella; luci Amerigo Anfossi; video animazione Fabio Ramiro Rossin; musiche MaNu Dj.

"Moriamo ogni giorno, ogni giorno ci viene tolta una parte della vita e anche quando ancora cresciamo, la vita decresce". (Lucius Annaeus Seneca)

"Lo spettacolo tratta l'esercizio del potere.
Come tutte gli accadimenti della vita, anche questo è illusorio, ci induce a crederci vivi, perché assorbe il nostro tempo, le nostre energie e i nostri pensieri.
Quello che in sintesi estrema chiameremmo vita.
L'uomo crede di essere vivo e si sente tale solo nel confronto con le cose di tutti i giorni e le convenzioni sociali nelle quali siamo immersi, ci mettono in costante relazione con l'altro in uno stato o di subalternità o di preminenza.
Tra le attività che maggiormente alimentano in noi un'illusione di esistenza c'è di certo l'esercizio del potere; questo è forse l'accadimento che più ci spinge nell'illusione, poiché prevede il dominio dell'uomo sull'uomo.
In scena vediamo due differenti abitudini di praticare il potere.
Per l'uomo adulto questo è tangibile perché politico, sociale ed economico.
Lo sforzo è quindi il tentativo di accrescere il proprio dominio o perlomeno mantenere uno status quo.
Il giovane possiede un potenziale; la sua giovinezza è il suo potere. Per lui il futuro è tutto in divenire, tutte le possibilità gli sono concesse e la sua vita è nelle sue mani. Ciascun individuo lotta per accrescere l'unico dato sensibile che gli conferma d'essere in vita: il potere sull'altro.
Ne nasce uno scontro volto all'accumulo di comando.
Ed è la vita a diventare terreno di conquista, far west dove espandere i confini del proprio dominio.
Il messaggio è semplice e percorre aspetti solo apparentemente distanti. Non si deve morire. Non morire è non mostrare i segni del tempo sul corpo. Non morire è non accettare l'inevitabile decorso biologico.
Non morire ci è impossibile.
Soprattutto se si pensa che si inizia a farlo in giorno in cui si viene concepiti.
La resa è ancora una volta l'unica possibilità".

Info e prenotazioni: 0998801932/3497148766.

Costi biglietti: intero 10 euro; ridotto 8 euro (under 25, over 65, possessori di AgisCard e di Ikea Family Card).
Card LégamInT. (valida per 10 accessi): 50 euro.

https://www.youtube.com/watch?v=-5VYCNFaruQ

  • Creato il .
  • Visite: 5348

Teatro delle Forche. All rights reserved.
Powered by Jackalope.it.