Skip to main content

ULTIMO ROUND in scena al Comunale il 28 gennaio

Continua la 𝗦𝘁𝗮𝗴𝗶𝗼𝗻𝗲 𝟮𝟬𝟮𝟯/𝟮𝟬𝟮𝟰 promossa dall’𝗔𝘀𝘀𝗲𝘀𝘀𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗖𝘂𝗹𝘁𝘂𝗿𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗖𝗼𝗺𝘂𝗻𝗲 𝗱𝗶 𝗠𝗮𝘀𝘀𝗮𝗳𝗿𝗮 in collaborazione con 𝗧𝗲𝗮𝘁𝗿𝗼 𝗣𝘂𝗯𝗯𝗹𝗶𝗰𝗼 𝗣𝘂𝗴𝗹𝗶𝗲𝘀𝗲. Sul palco del Teatro Comunale "N. Resta" una nuova produzione 𝗖𝗥𝗘𝗦𝗧 / 𝗔𝘀𝘀𝗼𝗰𝗶𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗠𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗔𝗰𝗿𝗼𝗯𝗮𝘁𝗶𝗰𝗮.
 
𝙐𝙇𝙏𝙄𝙈𝙊 𝙍𝙊𝙐𝙉𝘿 - 𝙎𝙩𝙤𝙧𝙞𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙥𝙪𝙜𝙞𝙡𝙚 𝙨𝙞𝙣𝙩𝙞 𝙅𝙤𝙝𝙖𝙣𝙣 “𝙍𝙪𝙠𝙚𝙡𝙞𝙚” 𝙏𝙧𝙤𝙡𝙡𝙢𝙖𝙣𝙣
Di Gaetano Colella e Andrea Simonetti
Con Andrea Simonetti
Costumi di Mariagiovanna Stallo
Disegno luci di Vito Marra
Regia di Gaetano Colella
 
«𝘓𝘦 𝘤𝘪𝘤𝘢𝘵𝘳𝘪𝘤𝘪 𝘦𝘳𝘢𝘯𝘰 𝘵𝘳𝘰𝘧𝘦𝘪, 𝘪 𝘭𝘪𝘷𝘪𝘥𝘪 𝘮𝘦𝘥𝘢𝘨𝘭𝘪𝘦 𝘥𝘢 𝘱𝘰𝘳𝘵𝘢𝘳𝘦 𝘤𝘰𝘯 𝘰𝘳𝘨𝘰𝘨𝘭𝘪𝘰»
 
Johann Trollmann, pugile tedesco di origini zingare nato nel 1907, fu un atleta dalle potenzialità incredibili, paragonato spesso al famosissimo Muhammad Alì, anche per le movenze leggiadre e sinuose, molto più simili a quelle di un danzatore che allo stile di un pugile. Caratteristiche vincenti ma non apprezzate dall’ambiente nazista che nel 1933 gli tolse il titolo dei pesi medi e iniziò a contrastarne la carriera. Da quel momento Trollmann lottò contro la Federazione pugilistica tedesca e cercò sempre di irridere il sistema.
Nel 1938 fu costretto alla sterilizzazione in quanto sinti, nel 1942 venne deportato in un campo di lavoro e sfruttato come sparring partner negli incontri di pugilato organizzati dalle guardie naziste, divenendo vittima sacrificale, umiliato e deriso pur di mangiare, di resistere. Nel 1944 Trollmann, ormai stremato e ridotto pelle e ossa, rialzò il capo e con un ultimo sforzo sconfisse il suo aguzzino, il Kapò Emil Cornelius. La vittoria gli costò la vita: Trollmann venne trovato morto in circostanze misteriose. Si parlò di morte accidentale. Ma nessuno ci credette e ci crede.
Nel 2003 la federazione pugilistica tedesca ha deciso di riconsegnare la cintura, sottratta a Trollmann settant’anni prima, alla figlia Rita Vowe-Trollmann, nominando così ufficialmente Johann Trollmann detentore del titolo di campione tedesco dei pesi medio-massimi.
 
𝘕𝘰𝘵𝘦 𝘥𝘪 𝘳𝘦𝘨𝘪𝘢
𝘙𝘢𝘤𝘤𝘰𝘯𝘵𝘢𝘳𝘦 𝘭’𝘶𝘯𝘪𝘷𝘦𝘳𝘴𝘰 𝘥𝘦𝘪 𝘤𝘢𝘮𝘱𝘪 𝘥𝘪 𝘤𝘰𝘯𝘤𝘦𝘯𝘵𝘳𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘰 𝘦̀ 𝘥𝘪𝘷𝘦𝘯𝘵𝘢𝘵𝘰, 𝘯𝘦𝘭 2023, 𝘢𝘴𝘴𝘢𝘪 𝘤𝘰𝘮𝘱𝘭𝘦𝘴𝘴𝘰, 𝘱𝘦𝘳𝘤𝘩𝘦́ 𝘢𝘣𝘣𝘪𝘢𝘮𝘰 𝘢 𝘤𝘩𝘦 𝘧𝘢𝘳𝘦 𝘤𝘰𝘯 𝘶𝘯 𝘪𝘮𝘮𝘢𝘨𝘪𝘯𝘢𝘳𝘪𝘰 𝘢𝘣𝘶𝘴𝘢𝘵𝘰 𝘦 𝘧𝘢𝘤𝘪𝘭𝘮𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘳𝘦𝘵𝘰𝘳𝘪𝘤𝘰. 𝘈𝘣𝘣𝘪𝘢𝘮𝘰 𝘤𝘦𝘳𝘤𝘢𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘭𝘢𝘴𝘤𝘪𝘢𝘳𝘦 𝘢𝘭𝘭’𝘪𝘮𝘮𝘢𝘨𝘪𝘯𝘢𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘰 𝘴𝘱𝘦𝘵𝘵𝘢𝘵𝘰𝘳𝘦 𝘲𝘶𝘦𝘴𝘵𝘰 𝘢𝘴𝘱𝘦𝘵𝘵𝘰, 𝘦𝘷𝘰𝘤𝘢𝘯𝘥𝘰𝘭𝘰 𝘢𝘵𝘵𝘳𝘢𝘷𝘦𝘳𝘴𝘰 𝘶𝘯 𝘴𝘦𝘮𝘱𝘭𝘪𝘤𝘦 𝘨𝘪𝘰𝘤𝘰 𝘥𝘪 𝘭𝘶𝘤𝘪 𝘦 𝘰𝘮𝘣𝘳𝘦 𝘦 𝘤𝘰𝘯 𝘱𝘰𝘤𝘩𝘪 𝘦𝘭𝘦𝘮𝘦𝘯𝘵𝘪 𝘴𝘤𝘦𝘯𝘪𝘤𝘪, 𝘥𝘢𝘯𝘥𝘰 𝘲𝘶𝘪𝘯𝘥𝘪 𝘮𝘢𝘨𝘨𝘪𝘰𝘳𝘦 𝘳𝘪𝘴𝘢𝘭𝘵𝘰 𝘢𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘵𝘰𝘳𝘪𝘢 𝘥𝘪 𝘶𝘯𝘢 𝘴𝘵𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘯𝘢𝘴𝘤𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘥𝘦𝘭 𝘱𝘶𝘨𝘪𝘭𝘢𝘵𝘰, 𝘶𝘯 𝘵𝘢𝘭𝘦𝘯𝘵𝘰 𝘳𝘦𝘤𝘪𝘴𝘰 𝘯𝘦𝘭 𝘱𝘦𝘳𝘪𝘰𝘥𝘰 𝘱𝘪𝘶̀ 𝘧𝘦𝘭𝘪𝘤𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘶𝘢 𝘤𝘢𝘳𝘳𝘪𝘦𝘳𝘢. 𝘛𝘳𝘰𝘭𝘭𝘮𝘢𝘯𝘯 𝘦̀ 𝘭𝘰 𝘴𝘱𝘦𝘤𝘤𝘩𝘪𝘰 𝘥𝘪 𝘶𝘯𝘢 𝘴𝘰𝘤𝘪𝘦𝘵𝘢̀ 𝘢𝘵𝘵𝘳𝘢𝘷𝘦𝘳𝘴𝘢𝘵𝘢 𝘥𝘢 𝘶𝘯 𝘤𝘢𝘮𝘣𝘪𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘤𝘶𝘪 𝘴𝘪 𝘳𝘦𝘯𝘥𝘦 𝘤𝘰𝘯𝘵𝘰 𝘵𝘳𝘰𝘱𝘱𝘰 𝘵𝘢𝘳𝘥𝘪, 𝘭𝘶𝘪 𝘤𝘰𝘮𝘦 𝘮𝘪𝘭𝘪𝘰𝘯𝘪 𝘥𝘪 𝘢𝘭𝘵𝘳𝘦 𝘱𝘦𝘳𝘴𝘰𝘯𝘦 𝘦̀ 𝘪𝘯𝘤𝘰𝘯𝘴𝘢𝘱𝘦𝘷𝘰𝘭𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘥𝘦𝘳𝘪𝘷𝘢 𝘢𝘷𝘷𝘪𝘢𝘵𝘢 𝘥𝘢𝘭𝘭𝘢 𝘎𝘦𝘳𝘮𝘢𝘯𝘪𝘢 𝘯𝘢𝘻𝘪𝘴𝘵𝘢. 𝘐𝘭 𝘴𝘶𝘰 𝘧𝘰𝘳𝘵𝘦 𝘴𝘦𝘯𝘴𝘰 𝘥𝘪 𝘢𝘱𝘱𝘢𝘳𝘵𝘦𝘯𝘦𝘯𝘻𝘢 𝘢𝘭𝘭𝘢 𝘯𝘢𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘧𝘢 𝘢 𝘱𝘶𝘨𝘯𝘪 𝘤𝘰𝘯 𝘭𝘦 𝘭𝘦𝘨𝘨𝘪 𝘳𝘢𝘻𝘻𝘪𝘢𝘭𝘪 𝘤𝘩𝘦 𝘭𝘰 𝘪𝘯𝘤𝘳𝘪𝘮𝘪𝘯𝘢𝘯𝘰 𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘭𝘰 𝘶𝘤𝘤𝘪𝘥𝘰𝘯𝘰. 𝘜𝘯𝘢 𝘷𝘪𝘤𝘦𝘯𝘥𝘢 𝘦𝘮𝘣𝘭𝘦𝘮𝘢𝘵𝘪𝘤𝘢, 𝘮𝘢 𝘲𝘶𝘢𝘴𝘪 𝘪𝘨𝘯𝘰𝘵𝘢 𝘯𝘰𝘯 𝘴𝘰𝘭𝘰 𝘪𝘯 𝘐𝘵𝘢𝘭𝘪𝘢 𝘮𝘢 𝘢𝘯𝘤𝘩𝘦 𝘪𝘯 𝘎𝘦𝘳𝘮𝘢𝘯𝘪𝘢. 𝘊𝘰𝘮𝘦 𝘴𝘦 𝘭𝘢 𝘴𝘵𝘰𝘳𝘪𝘢 𝘥𝘦𝘭 “𝘱𝘶𝘨𝘪𝘭𝘦 𝘥𝘢𝘯𝘻𝘢𝘯𝘵𝘦” 𝘧𝘰𝘴𝘴𝘦 𝘴𝘵𝘢𝘵𝘢 𝘪𝘯𝘨𝘩𝘪𝘰𝘵𝘵𝘪𝘵𝘢 𝘥𝘢𝘭 𝘣𝘶𝘪𝘰 𝘥𝘦𝘭 𝘛𝘦𝘳𝘻𝘰 𝘙𝘦𝘪𝘤𝘩.
𝘎𝘢𝘦𝘵𝘢𝘯𝘰 𝘊𝘰𝘭𝘦𝘭𝘭𝘢
 
𝗗𝗼𝗺𝗲𝗻𝗶𝗰𝗮 𝟮𝟴 𝗴𝗲𝗻𝗻𝗮𝗶𝗼. 𝗣𝗼𝗿𝘁𝗮 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟵.𝟯𝟬 - 𝗦𝗶𝗽𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗼𝗿𝗲 𝟮𝟬.𝟬𝟬
Teatro Comunale "Nicola Resta" in Piazza Garibaldi a Massafra (TA)
 
Biglietti in vendita online al link bit.ly/3HKrp4x, nei punti vendita Vivaticket, al 324.610.3258, e presso l’Info point di Massafra (Piazza Garibaldi - 099.8804695/338.5659601 - dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.30)
Posto unico - intero € 10 / ridotto € 8
I biglietti ridotti saranno concessi esclusivamente ai giovani fino ai 25 anni, alle persone di oltre 65 anni, agli abbonati agli spettacoli del Teatro Spadaro, ai giornalisti iscritti all’ODG Puglia, ai dipendenti militari e civili dell’Esercito Italiano Puglia e Capitanerie di Porto Puglia, agli associati FITA Puglia e ai gruppi di 10 persone organizzati dalle Associazioni Culturali e dai Circoli Aziendali riconosciuti.
 
Il Botteghino del Teatro Comunale sarà aperto a partire da un’ora prima dello spettacolo.
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Facebook: Teatro Le Forche

Instagram: teatrodelleforche

  • Creato il .
  • Visite: 216